Messina: Appello contro la manifestazione regionale di Forza Nuova

15 dicembre corteo antifascista: ORE 11.00 piazza Antonello – via XXIV Maggio – via Monsignore D’arrigo – via Placida (passando davanti a: piazza S. Vincenzo – piazza Casa Pia – mercato s. Orsola) viale Giostra – via Garibaldi – prefettura – passeggiata a mare (ORE 14.00 ca.).

Apprendiamo che il 15 Dicembre sfilerà nella nostra città un corteo indetto da Forza Nuova, formazione politica di chiara ispirazione fascista. Manifestiamo la nostra contrarietà al libero svolgimento di una tale manifestazione portatrice di chiari contenuti antidemocratici, xenofobi, omofobi, antisemiti e inneggianti all’odio razziale. Ricordiamo che la nostra Costituzione, scritta col sangue dei partigiani, con la XII Disposizione transitoria, vieta la ricostituzione del partito fascista ritenendolo incom
patibile con l’ordinamento democratico e repubblicano e la Legge Scelba n. 645 del 1952 nonché la legge Mancino n.205 del 1993 prevedono il reato di apologia di fascismo e il reato di istigazione all’odio razziale.
Il nostro non è un mero richiamo al rispetto delle leggi, le quali troppo spesso diventano dispositivi che alimentano fratture e ingiustizie sociali, ma negare con ogni strumento l’agibilità politica a movimenti di tale natura ne costituisce la precondizione affinchè spinte xenofobe e populiste non attecchiscano nella società.
Forza nuova è un movimento politico fondato nel ’97 da Roberto Fiore e Massimo Morsello entrambi dirigenti negli anni 70 di Terza Posizione e condannati dalla magistratura italiana per banda armata in associazione con i NAR (condannati per attentati terroristici tra cui la Strage alla stazione di Bologna ).
Si è resa protagonista di spedizioni punitive nei confronti di Rom, gay e militanti politici di sinistra e non possiamo dimenticare l’aggressione costata la vita a Nicola Tommasoli nel 2008. Uno dei 5 aggressori, Federico Perini fu candidato alle amministrative di Verona nella lista di Forza Nuova.
O come a Firenze, un anno fa, il 13 dicembre del 2011 un fascista pistoiese di nome Casseri, ben conosciuto negli ambienti dell’estrema destra spara contro alcuni lavoratori senegalesi in Piazza Dalmazia ed in San Lorenzo uccidendone due.
Riteniamo che tale presenza, costituisca un’offesa alle battaglie civili e sociali che si stanno svolgendo in questi mesi nel territorio siciliano (No Ponte, No Mous, le vertenze dei lavoratori da Termini Imerese, ai cantieri navali di Messina passando per il trasporto pubblico locale e i lavoratori delle funzioni pubbliche, e tantissime altre lotte portatrici di dignità per il nostro territorio). Forza Nuova, infatti, è portatrice di una visione storicamente sessista, antisindacale e antioperaia, in cui le donne sono appendici dell’uomo ed i lavoratori, semplici strumenti per soddisfare i più alti interessi nazionali.
Chiediamo una risposta inequivoca e un’assunzione di responsabilità politica da parte del Commissario Croce, che è tenuto a prendere una posizione chiara e decisa sulla questione.
Come antifascisti rivolgiamo un appello alle istituzioni democratiche ed ai cittadini per impedire lo svolgimento di qualsiasi mobilitazione ad una formazione politica che chiaramente, secondo i punti di cui sopra, non si riconosce nella Carta Costituzionale.
Invitiamo tutti i soggetti sociali, politici ed associativi a mobilitarsi il 15 dicembre per respingere formazioni neofasciste, che teorizzano la superiorità della razza bianca e che praticano intolleranza e violenza razzista come tampone alla crisi economica.
Questo è un periodo terribilmente fertile per “parlare alla pancia della gente”, instillando odio e ostilità, individuando nel migrante, nei meridionali, nei gay o in quant’altro il capro espiatorio.
Bisogna disinnescare questi “ordigni sociali”disseminati giornalmente da queste organizzazioni fasciste, che alimentano paure e rischiano di stimolare derive securitarie che hanno prodotto fenomeni come “Alba
Dorata” in Grecia, organizzazione di chiara natura squadristica.
E’ sintomatico e inquietante che alle prossime elezioni regionali lombarde il candidato si presenterà con il simbolo della destra filonazista e xenofoba di Alba Dorata.
Crediamo che il 15 dicembre gli antifascisti debbano mobilitarsi per impedire qualsiasi provocazione squadrista. Chiediamo a tutti di attivarsi per presidiare il territorio regionale ed impedire che si oscurino le ragioni sociali nate dalla Resistenza, per riproporre violenza, razzismo e prevaricazione.
Giorno 15 dicembre ribadiamo che anche in questa città non ci sarà spazio per i fascisti!

FIRMANO L’APPELLO:

Circolo Peppino Impastato Prc Messina
Cub Messina
Cobas Messina
Usb Messina
OrSa Messina
Arcigay Makwan Messina
Arci Comitato Territoriale di Messina
Rappresentanti di Istituto G.La Farina Messina
Collettivo La Riscossa
PRC Federazione di Messina
Pdci Messina
Pcl Messina
Circolo Nino Pino Balotta Prc Barcellona Pozzo di Gotto
Circolo Rosa L. Prc Catania
Prc Catania
Giovani Comunisti Catania
Circolo Adelchi Argada Prc Lamezia Terme
Giovani Comunisti Trapani
Circolo Mauro Rostagno Prc Trapani
Giovani Comunisti Palermo
Giovani Comunisti Caltagirone
Cub Trapani
Prc Sicilia

Lascia un commento