Cosentino (PRC-Sicilia): "l'amico 'amerikano' e le infiltrazioni mafiose"

Il governatore siciliano Crocetta continua a “sparare” contro il movimento No Muos, accusandolo ancora una volta di essere infiltrato dai mafiosi.
Lo fa ieri 9 Agosto, a commento della bella manifestazione pacifica e non violenta conclusasi con la riconquista di un territorio militarizzato anche per le sue precise responsabilità. Una manifestazione in cui accanto a mamme e bambini, abbiamo visto le bandiere di Libera, degli scout, dei gonfaloni dei comuni solidali, da Messina a Palermo a Palagonia, accanto alle bandiere rosse dei Cobas e del Prc.
Crocetta fa invece finta di non sapere che buona parte dei lavori e delle forniture sono riconducibili a ditte legate e/o contigue agli interessi mafiosi. D’altronde lui sta dall’altra parte e molti di coloro che lo sostengono all’Ars, così come i tanti che hanno affollato le sue liste del Megafono e quelle in coalizione con esse.
Sta per essere depositata una denuncia-querela contro le reiterate esternazioni terroristiche di Crocetta: ci saranno anche le firme dei dirigenti siciliani del Prc, che chiederà di costituirsi parte civile nel procedimento.
Non arretreremo.

Mimmo Cosentino, per la Segreteria regionale del Prc Sicilia

Lascia un commento