Catania affaire parcheggi – rassegna stampa

tratto da ienesiciliane

Romanzo comunale, spiagge “inquinate”: malgrado il silenzio degli antimafiosi di Regime, le prese di posizione di Catania Bene Comune e Rifondazione. E dal comune: “non accettiamo lezioni di legalità”

 

Infiltrazioni mafiose nella gestione comunale delle spiagge. Prefettura e Procura escano dal silenzio. Giunta comunale compromessa. Revocare immediatamente l’appalto e passare a gestione diretta.

Orazio Buda, persona a cui sono stati appena confiscati beni e società per 600mila euro, “gravemente indiziato dei reati di estorsione, trasferimento fraudolento di valori ed associazione a delinquere di stampo mafioso, in particolare di partecipare al pericoloso clan mafioso catanese “Cappello” e, nello specifico, al gruppo dei “Carateddi”, capeggiato dal noto boss Privitera Orazio, attualmente detenuto in regime di 41 bis”, gestisce per conto del Comune di Catania i parcheggi delle spiagge libere della città. Un giro d’affari di decine di migliaia di euro appaltato al bar Caffè Napoleon che ha scelto proprio Buda per gestire l’attività più remunerativa.

Questa la notizia contenuta nella coraggiosa inchiesta del quotidiano Meridionews e che riaccende drammaticamente i riflettori sul dominio mafioso dell’imprenditoria catanese e sulle infiltrazioni mafiose nella pubblica amministrazione. http://catania.meridionews.it/articolo/46120/spiagge-libere-il-cugino-del-boss-gestisce-i-parcheggi-titolare-orazio-buda-bisogna-dargli-una-possibilita/

È di una gravità inedita e sconcertante l’affidamento da parte del Comune di un servizio enormemente redditizio a una società che ha tra i suoi dipendenti personaggi, considerati dagli inquirenti di spicco, della criminalità organizzata catanese.

Dopo il tour inaugurale di spiagge libere e solarium, come raccontato da LiveSicilia, svolto dall’Assessore alla Legalità Rosario D’Agata in compagnia di Alfio Vecchio, coinvolto nell’operazione antimafia Prato Verde contro il Clan Cappello, anche lui dipendente della società Caffè Napoleon e scelto da tale società per accompagnare le autorità pubbliche nel sopralluogo e presentato al giornale La Sicilia come gestore dell’appalto; adesso è direttamente Buda, per stessa ammissione del titolare della Caffè Napoleon, a “guardare il personale e a tenere i parcheggi”.

I profili giudiziari e di legalità della vicenda li stabilirà la magistratura ma è indiscutibile l’inopportunità di tale situazione per un’amministrazione pubblica. Basti pensare che chi è accusato di estorsione ai lidi proprio tramite la gestione dei parcheggi, adesso gestisce i parcheggi del Comune di Catania.

Il Comune di Catania deve immediatamente revocare l’appalto alla società Caffè Napoleon e procedere alla gestione diretta delle spiagge e dei solarium attraverso il personale delle partecipate Sostare e Multiservizi, oltre che col personale comunale adatto a tale servizio.

Appare incredibile che il Sindaco Enzo Bianco abbia giustificato l’apertura in estremo ritardo delle spiagge e dei solarium comunali appellandosi alla ricerca della “massima legalità” che “viene prima di tutto”, e al 9 agosto la città trova a gestire le spiagge, per conto del Comune, “un elemento carismatico del sodalizio mafioso” secondo gli investigatori; persona che secondo alcuni collaboratori di giustizia “si occupa di scendere droga” con la sua azienda di trasporti ed è indicato come “trafficante di droga per i Cappello al tondicello della playa”.

La Giunta comunale alla luce di questi fatti, dopo la vicenda dell’inaugurazione delle attività della discoteca Empire confiscata poi alla mafia, dopo le intercettazioni tra Enzo Bianco e Mario Ciancio sulla variante urbanistica del PUA, dopo l’intervento della commissione regionale antimafia che ha sancito la presenza di consiglieri comunali e presidenti di Municipalità vicini ad ambienti mafiosi, appare gravemente compromessa. Non è più tollerabile derubricare a “incidenti di percorso” o casualità le pesanti linee di contatto emerse pubblicamente tra la macchina amministrativa comunale e la criminalità organizzata. Chi sottovaluta le infiltrazioni mafiose nel Comune di Catania per bieco opportunismo o fedeltà politica vuole il male della città. È indispensabile, come più volte chiesto dal Comitato “Catania libera dalle mafie” che ha organizzato la manifestazione del 30 gennaio scorso, da associazioni, soggetti politici e deputati della Repubblica, che si inviino a Catania gli ispettori ministeriali per determinare quanto grave è il condizionamento mafioso dell’attività amministrativa e per dichiarare l’eventuale scioglimento per infiltrazioni mafiose.

Il Ministero dell’Interno e la Prefettura non possono più coprire il nuovo “caso Catania”. È indecente che autorità pubbliche di garanzia siano più pronte ad assecondare il potere che a tutelare la collettività e le forze sane della città.

Siamo certe e certi che la Procura di Catania svolgerà fino in fondo il suo ruolo, libera da condizionamenti.Catania deve liberarsi dalle infiltrazioni mafiose e di quegli amministratori che si sono resi responsabili di avallare i rapporti con la criminalità organizzata. La Giunta Bianco si è dimostrata inadeguata a gestire la città e troppo permeabile a infiltrazioni mafiose nell’attività amministrativa. Sarà la magistratura a verificare il coinvolgimento di Sindaco, Assessori, Consiglieri in tali vicende ma è oggi ancora più inopportuno per Sindaco e Consiglieri continuare ad amministrare. Si è rotto qualsiasi tipo di rapporto di fiducia e di garanzia.

Ribadendo la necessità di un’immediata revoca dell’appalto delle spiagge e ringraziando quei giornalisti coraggiosi che danno ossigeno alla democrazia cittadina, ci appelliamo alle istituzioni catanesi e alla commissione nazionale antimafia: non permettete più che a Catania le autorità di garanzia e controllo siano forti con i deboli e deboli con i forti.

Catania Bene Comune.

—————————————————————————————-

La presenza di noti pregiudicati indiziati di numerosi reati, e tra questi quello più’ grave di associazione per associazione a delinquere di stampo mafioso, nella gestione comunale delle spiagge e dei solarium catanesi, non può’ essere rimossa ne’ de rubricata. A Catania siamo ad un ulteriore passaggio del degrado che caratterizza la Giunta guidata da Enzo Bianco.

Al succedersi imperterrito della narrazione propagandistica sulle magnifiche sorti progressive della rinascita e di una nuova stagione di sviluppo e di successi della Milano del Sud, fa da contraltare la condizione materiale di squallore della vita urbana, il disastro dei trasporti pubblici e della pulizia delle strade. Per sopperire ad una verticale caduta del consenso, si ricorre al rilancio delle peggiori pratiche clientelari e ci si accompagna alla frequentazione, elettoralmente fruttuosa, di personaggi quantomeno ambigui e della zona grigia.

Siamo al fallimento, oltre che sociale ed economico, soprattutto morale di quelle politiche liberiste di cui il Pd e’ il principale interprete in Italia e in Sicilia, qui nella versione grottesca della rivoluzione crocettiana. Invece che a privatizzazioni ed esternalizzazioni dei servizi collettivi, sulle quali le mafie e le imprese parassitarie si stanno ingrassando,occorre tornare alla gestione pubblica e controllata dal basso dei beni comuni. Contro tanta arroganza occorre un sussulto democratico di quanti hanno a cuore la democrazia, l’interesse generale, l’affermazione dei diritti universali, soprattutto di quelle realta’ che operano contro la mafia e la borghesia mafiosa. Il silenzio reiterato proverebbe una subalterna oggettiva complicità’. Alle istituzioni di controllo della legalità’ corre l’obbligo del loro esercizio. Agli operatori dell’informazione la solidarietà’ piena, per la esposizione a cui si sottopongono.

Mimmo Cosentino, segretario regionale del Prc Sicilia.

————————————————————————————

comune di Catania ufficio stampa

Bando Solarium e spiagge libere: chieste ulteriori verifiche a Prefettura e Questura
Il sindaco Enzo Bianco ha chiesto all’assessore alla Polizia municipale Marco Consoli e a quello alla Legalità Rosario D’Agata di verificare con le Autorità preposte la fondatezza di alcune notizie di stampa riguardanti la situazione di taluni dipendenti dell’azienda che si è aggiudicata l’appalto. Per il resto, l’Amministrazione non accetta lezioni da alcuno, soprattutto in un ambito in cui ha fatto luce su tante zone d’ombra

Come già reso noto lo scorso primo agosto, le notizie riguardanti presunti gravi e poco chiari coinvolgimenti in indagini giudiziarie di dipendenti dell’azienda che ha vinto l’appalto della gestione dei solarium e delle spiagge libere, avevano indotto l’Amministrazione comunale a chiedere immediatamente alla ditta stessa l’elenco completo del personale, che è stato subito trasmesso in Prefettura per tutti gli ulteriori controlli del caso.
Oggi è stata inviata a Prefettura e Questura un’ulteriore nota per conoscere in particolare la posizione di un dipendente che si occupa della gestione dei parcheggi. Nella vicenda il Comune ha dunque dato tutta l’attenzione necessaria per garantire la massima trasparenza sulle procedure di assegnazione dell’appalto, ricevendo, sinora, tutte le rassicurazioni del caso da parte delle Autorità preposte.
Si ribadisce che, per qualsiasi bando emanato dal Comune di Catania, tutti gli atti finali vengono inviati al Prefetto, dal quale si attende il nulla osta prima dell’aggiudicazione provvisoria. Nelle normali procedure, viene vagliata e verificata la posizione di proprietà, vertici amministrativi e dirigenti ma non dei lavoratori. Per di più alcuni dipendenti sarebbero stati assunti dopo l’espletamento di procedure e controlli e dopo l’assegnazione provvisoria dell’appalto.
Il sindaco Enzo Bianco dunque ha chiesto all’assessore alla Polizia municipale Marco Consoli e a quello alla Legalità Rosario D’Agata di verificare con le Autorità preposte la fondatezza di alcune notizie di stampa riguardanti la situazione di taluni dipendenti dell’azienda che si è aggiudicata l’appalto. Se emergessero profili non compatibili con quella legalità che l’Amministrazione ha sempre perseguito l’aggiudicazione verrebbe immediatamente revocata.
Per il resto, l’Amministrazione, che da sola ha avviato tante battaglie per la legalità in tanti settori, non accetta lezioni da alcuno, soprattutto in un ambito in cui ha fatto luce su tante zone d’ombra.

di Redazione Iene Siciliane

Partito della Rifondazione Comunista / Sinistra Europea