Archivi categoria: Trapani

Situazione rifiuti a Erice, comunicato del PRC

ALL’ATTENZIONE DEL SIGNOR SINDACO DI ERICE
GIACOMO TRANCHIDA
E DELL’ ASSESSORE al Territorio e ambiente (Ecologia – Randagismo)
ANGELO CATALANO

Domenica  di primavera, ora di pranzo.
All’imbocco della via Miceli, traversa dell’”elegante” via A.Manzoni,  i passanti non possono fare a meno di imbattersi
in uno spettacolo ormai da mesi, sempre nel medesimo angolo, non infrequente:
sacchetti di immondizia, assolutamente indifferenziata, abbandonati a terra, squarciati (probabilmente da cani randagi)  e rifiuti disseminati sull’asfalto.  Come del resto è nella” tradizione del territorio, antecedente alla raccolta differenziata”.

Domani mattina, come tutte le mattine, gli operatori dell’AIMERI, diligentemente, puliranno e la scena
si ripeterà.
Oggi, però,sia agli occhi dei cittadini ericini, sia a quelli dei turisti che si avviano verso la stazione della funivia , c’è qualcosa in più, che evidenzia le cause e lo squallore dello spettacolo: un ratto morto sul marciapiede!

Il CIRCOLO PRC GRAMSCI DI ERICE, consapevole della esigenza di fare un’opposizione  seria e costruttiva ad un’Amministrazione che vanta nel suo programma l’attivazione della democrazia partecipata, distinguendosi da quella di Trapani per aver avviato la raccolta differenziata “porta a porta” .

INVITA
a prendere atto di quanto segnalato e ad intervenire  in maniera determinata sui controlli, tenendo conto della necessità di un’urgente applicazione di una severa e costante politica delle sanzioni, perché la situazione ambientale, a fronte dei costi della raccolta “porta a porta”, migliori, e tali manifestazioni di “SFREGIO AL TERRITORIO”, che mirano a mettere in cattiva luce l’importanza della diversificazione dei rifiuti, si sostituiscano ad un aumento considerevole della percentuale di
raccolta differenziata, affiancando un’ indispensabile  disinfezione e una derattizzazione del territorio.

La Segretaria del Circolo PRC GRAMSCI di Erice
Deborah Caradonna

Erice lì 12/05/2013

PRC Erice su funivia

Il Circolo PRC “A. Gramsci” di Erice, dopo aver valutato i provvedimenti assunti dall’Amministrazione Comunale ericina per incrementare l’utilizzo della Funivia, ritenendo che l’opposizione vada fatta in termini propositivi, esprime un prudente apprezzamento per le decisioni prese, che pare intendano perseguire oltre che il raggiungimento di benefici in termini ambientali e per la sicurezza stradale, anche l’obiettivo di un pareggio di bilancio della Società che gestisce l’impianto.
In proposito ritiene che sarebbe utile identificare le cause che hanno portato, dopo un avvio denso di speranze con la precedente gestione, ad un saldo negativo importante tra incassi e uscite.
Auspica di conseguenza che tali decisioni si perfezionino, in maniera concreta e produttiva, tenendo conto anche degli interessi dei commercianti, che hanno manifestato in merito una affrettata ma comprensibile inquietudine, attuando ad esempio, al più presto, l’utilizzo di una “CARD”, acquistabile, non soltanto negli uffici turistici che dovrebbero rimanere aperti al pubblico almeno 18 ore al giorno, ma anche negli esercizi commerciali. Tale “CARD” dovrebbe prevedere sconti sui mezzi di trasporto, per i negozi e per l’accesso ai posti turistici , quali musei, castelli e luoghi di culto.
Il Circolo PRC propone altresì l’attuazione di tariffe scontate per l’accesso alla funivia ai nuclei familiari non residenti in provincia ( atteso che i residenti godono già di una tariffa ridotta ). Oltre a ciò, sarebbe opportuno prevedere: un servizio alternativo , a parità di prezzo, per raggiungere la vetta in caso di blocco ( peraltro non infrequente) della funivia; la presenza di pensiline alle fermate degli autobus, con l’indicazione degli orari e delle tariffe di trasporto; nonché una maggiore pulizia dei servizi igienici aperti al pubblico.
Il Circolo PRC confida pertanto in un positivo e fattivo riscontro da parte dell’attuale Amministrazione che in verità, non sempre ha favorito il confronto coi cittadini per l’attuazione della cosiddetta democrazia partecipata, pur essendo stato uno dei punti salienti del programma del Sindaco.

Per la segreteria del Circolo
Deborah Caradonna

Erice 06.05.2013