Archivi categoria: Partito

Campese: Treni, in giro vere e proprie bombe a scapito del territorio e dei cittadini

maria campeseDichiarazione di Maria Campese, responsabile ambiente territorio e beni comuni, segreteria nazionale Prc-Se

La tragedia di Viareggio è purtroppo solo la punta di un iceberg dei rischi che corrono quotidianamente le città e i cittadini a causa del traffico di merci altamente infiammabili e inquinanti sulla rete ferroviaria italiana.  Occorre verificare se le cisterne ferroviarie contenenti prodotti chimici e tossici garantiscono i parametri europei sul trasporto delle merci pericolose o se si tratta di vere e proprie trappole, di bombe lanciate contro il nostro territorio.   Continua la lettura di Campese: Treni, in giro vere e proprie bombe a scapito del territorio e dei cittadini

Ponte sullo Stretto, Di Pietro: “Prima vengono altre opere”. Ma nel 2007 votò con la destra e tra le sua file c’è Aurelio Misiti…

dipietroTonino Di Pietro punta ai “voti utili” di sinistra e ambientalisti e ora dichiara: “ll ponte è un ‘opera infrastrutturale di cui si potrebbe discutere se farla o meno solo dopo aver fatto tutto il resto: in Sicilia, in Calabria e in tutta Italia ci sono emergenze piu’ importanti del ponte”. E aggiunge: “Le emergenze come quella idrica, quella dell’occupazione, ambientale e delle energie rinnovabili devono essere messe prima di una cattedrale del deserto”.

Bene, benissimo, bravo al leader di Italia dei Valori. Peccato che abbia la memoria corta e dimentichi che, nel 2007, quando ricopriva l’incarico di Ministro nel Governo Prodi, votò assieme alla destra berlusconiana per salvare la Società “Ponte sullo Stretto di Messina”, violando, quindi, il programma dell’allora Unione di centrosinistra che prevedeva la derubricazione dell’opera e la riconversione di questa società sanguisuga a scopi di pubblica utilità. Proprio i voti dei parlamentari di Idv furono determinanti per tenere in piedi questo carrozzone d’origine democristina, permettendo così, successivamente, al governo Berlusconi di riprendere il progetto per la realizzazione della “cattedrale nel deserto”. Continua la lettura di Ponte sullo Stretto, Di Pietro: “Prima vengono altre opere”. Ma nel 2007 votò con la destra e tra le sua file c’è Aurelio Misiti…

Ferrero: prezzi, se il Senato riesce ad abbassare i suoi, apra la mensa a tutti i cittadini

ferrero-gapPrc chiede prezzo politico per i generi alimentari di prima necessità. Giovedì da Tremonti con pane a 1 euro

Dichiarazione di Paolo Ferrero, segretario nazionale del Prc

Se il Senato della Repubblica sostiene che riesce a dare un pasto alla buvette o al ristorante alla cifra di 1,50 euro senza ulteriori aggravi per le casse pubbliche, apra la propria mensa e la propria buvette a tutti i cittadini. Insomma, se il Senato è in grado di abbassare i prezzi mentre i il prezzo dei generi alimentari di prima necessità continua a crescere, senza che il Governo intervenga a fissare un prezzo politico come chiediamo da mesi, come Rifondazione comunista, allora il Senato non abbassi i prezzi solo per i parlamentari – i quali dovrebbero cominciare a dare il buon esempio abbassandosi lo stipendio – ma per tutti i cittadini. Continua la lettura di Ferrero: prezzi, se il Senato riesce ad abbassare i suoi, apra la mensa a tutti i cittadini

Fiom e Fp Cgil: Quell'accordo è illegittimo. Sarà sciopero.

Crisi e modello contrattuale, confermata la giornata di lotta del 13 febbraio

Fabio Sebastiani
E’ nato pochi giorni fà, e ha già un sacco di problemi. L’accordo separato sul modello di contrattazione ieri è stato impallinato da Fiom e Funzione pubblica/Cgil che nel presentare lo sciopero generale del 13 febbraio (con manifestazione che terminerà in piazza San Giovanni) lo definiscono illegittimo, dal punto di vista costituzionale, e quindi non vincolante. Come se non bastasse, anche l’Abi ha fatto sapere che il testo firmato a palazzo Chigi senza la Cgil non va bene. Intanto, è guerra di cifre tra Cgil e Centro studi della Confindustria.
Secondo viale dell’Astronomia, i calcoli della Cgil, che applicando il “nuovo modello” aveva riscontrato una perdita secca in busta paga di 1.350 euro l’anno, sono sbagliati: dal 2009 al 2011 ci sarà, invece, un aumento di 2.523 euro. La differenza è facilmente imputabile ai riferimenti temporali. Continua la lettura di Fiom e Fp Cgil: Quell'accordo è illegittimo. Sarà sciopero.

INFLAZIONE, AUMENTA A DANNO DI LAVORATORI E PENSIONATI. E’ DI CLASSE. COME LA SPECULAZIONE.

ferrero-4Dichiarazione di Paolo Ferrero, Segretario nazionale del PRC

La poderosa crescita dell’inflazione che, nel corso di tutto il 2008, si è attestata al 3,3%, il massimo dal 1996, contro l’1,8% del 2007, nel bel mezzo di una recessione internazionale e interna di proporzioni mai viste prima, testimonia una cosa sola: si tratta di una vera e propria “inflazione di classe” che va di pari passo con la speculazione che banchieri e imprenditori stanno mettendo in atto nei confronti di lavoratori e pensionati, mentre il governo non fa nulla per tutelare il loro potere d’acquisto. Continua la lettura di INFLAZIONE, AUMENTA A DANNO DI LAVORATORI E PENSIONATI. E’ DI CLASSE. COME LA SPECULAZIONE.

FERRERO: SETTIMANA CORTA, OTTIMA IDEA MA NON BASTA.

rm0511-pol01-7BISOGNA ESTENDERE AMMORTIZZATORI SOCIALI A TUTTI I LAVORATORI E AUMENTARE STIPENDI E PENSIONI. LA CRISI LA PAGHI CHI VA ALLE MALDIVE.

Dichiarazione di Paolo Ferrero, segretario nazionale del Prc.

Nel ribadire che l’idea avanzata dal cancelliere tedesco Angela Merkel della settimana corta per fronteggiare la crisi è un’ottima idea perche’ mantiene il rapporto di lavoro, riduce a tutti l’orario ed evita l’emarginazione e i licenziamenti e che non è il Prc a essere d’accordo con Berlusconi, ma lui con noi, perché Rifondazione ha sempre sostenuto la riduzione dell’orario di lavoro, la cassa integrazione a rotazione e altri strumenti di solidarieta’, ritengo che siano altrettanto inderogabili altre misure, per affrontare la crisi. Continua la lettura di FERRERO: SETTIMANA CORTA, OTTIMA IDEA MA NON BASTA.

Fondi europei utilizzati per pagare stipendi

Dichiarazione dell’europarlamentare Giusto Catania

PALERMO – “L’uso distorto dei fondi strutturali europei da parte della Regione Sicilia è una costante che Rifondazione Comunista denuncia da tempo. Se escludiamo le somme dirottate al pagamento degli stipendi e alla copertura dei buchi di bilancio nella sanità, l’isola ha speso molto meno del 50% dei finanziamenti”. Lo afferma Giusto Catania, europarlamentare di Rifondazione Comunista. Continua la lettura di Fondi europei utilizzati per pagare stipendi

Crisi, governo abbassi i mutui per la prima casa: fallimento neoliberismo non può essere pagato dai lavoratori

Dichiarazione di Paolo Ferrero, segretario nazionale del Prc

Nonostante tutti i tentativi di rassicurare nascondendo la sporcizia sotto il tappeto la durezza della crisi finanziaria non si ferma certo con quattro dichiarazioni. Quello che è fallito è il neoliberismo e adesso coloro che hanno portato l’economia mondiale alla catastrofe cercano di far pagare agli stati, cioè ai lavoratori e ai pensionati, i costi della crisi medesima. Adesso il governo intervenga per rafforzare l’economia reale tagliando le tasse su stipendi e pensioni e riduca i mutui sulle prime case. Ci sono milioni di famiglie in condizioni disperate e le misure sin qui assunte dal governo sui mutui sono aria fritta. Il governo intervenga direttamente con le Banche e riduca questi mutui che non possono essere considerato un affare priva di tre milioni di famiglie

Roma, 6 Ottobre 2008

Ufficio legale precari scuola

Una sentenza del Tribunale di Roma ha condannato il ministero della Pubblica istruzione per un prolungato atto discriminatorio nei confronti degli insegnanti precari, vincitori di un pubblico concorso ed inseriti regolarmente nelle graduatorie su posto comune, a vantaggio degli insegnanti di religione cattolica (nominati dal Vicariato e immessi in ruolo senza concorso). A questi ultimi, durante il periodo di precariato, è riservato un trattamento di favore che consiste in un aumento dello stipendio del 2,5 per cento in più ogni 2 anni. Il ricorso fatto, e vinto, dalla professoressa Rizzato di Roma (alla quale è stato riconosciuto un risarcimento di 2.611,35 euro) è un importante precedente. Il partito mette a disposizione dei precari della scuola che vorranno vedersi riconosciuto il medesimo diritto un Ufficio legale per i ricorsi. Per contatti telefonare alla segreteria del dipartimento nazionale Scuola ai numeri: 0644182257 – 0644182236 o mandare una e-mail a
scuola.prc@rifondazione.it

SANITA’ IN SICILIA

Dichiarazione di Giusto Catania, europarlamentare di Rifondazione Comunista: “Le sanguisughe sono comitati d’affari legati ai partiti di maggioranza”   

 “Le sanguisughe che per anni hanno salassato i fondi per la sanità in Sicilia, causando un insostenibile buco di bilancio, sono comitati d’affari legati ai partiti di maggioranza che oggi, evidentemente, il presidente Lombardo finge di non conoscere”. Lo afferma Giusto Catania, europarlamentare di Rifondazione Comunista. “Il sistema, che coinvolge direttamente autorevoli esponenti tanto dell’Udc, quanto di Forza Italia e dell’Mpa, è stato fondato – aggiunge Catania – sull’accreditamento selvaggio di cliniche e laboratori privati e sul loro costante sforamento del budget assegnato a tutto danno degli ospedali pubblici. A nulla, dunque, servirà il cosiddetto piano di rientro della spesa se non si razionalizzerà in modo serio tutto il meccanismo. Altrimenti a pagare saranno i malati costretti a subire ingiusti ed intollerabili disagi”.