Circolo Città Futura PRC: Corso dei Martiri, un colpo al futuro di Catania (con video)

In una conferenza stampa il circolo Città Futura di Rifondazione Comunista – Federazione della Sinistra, ha illustrato le ragioni dell’opposizione all’operazione annunciata su Corso Martiri della Libertà. Alla conferenza hanno […]

In una conferenza stampa il circolo Città Futura di Rifondazione Comunista – Federazione della Sinistra, ha illustrato le ragioni dell’opposizione all’operazione annunciata su Corso Martiri della Libertà. Alla conferenza hanno partecipato Luca Cangemi del coordinamento nazionale Federazione della Sinistra e Maria Merlini, segretaria del circolo Città Futura del PRC.

Cangemi e Merlini hanno dichiarato:

Il progetto su Corso Martiri della Libertà rappresenta un grave pregiudizio al futuro di una città già martoriata dalla speculazione.

Ancora una volta gli interessi privati e gli intenti propagandistici prevalgono sui diritti di tutti.

Appare gravissimo che se intervenga su un’area così importante del centro cittadino fuori da un progetto generale senza riguardo, in particolare, per le esigenze di sicurezza, fondamentali in un territorio a elevatissimo rischio sismico.

E’ senz’altro paradossale, inoltre, prevedere, ancora una volta, gigantesche cubature per nuovi insediamenti commerciali in una città che assiste continuamente alla chiusura di moltissimi piccoli esercizi che ne avevano caratterizzata la fisionomia.

In terzo luogo l’utilizzo previsto dell’area di Corso Martiri rappresenterebbe una pesantissima ipoteca sulla sorte del centro che vedrebbe aggravati pesantemente tutti i suoi problemi, a partire dal traffico.

I gravissimi contenuti del progetto sono diretta conseguenza delle modalità con cui è nato questo così come tutti i progetti urbanistici che sono calati su Catania in questa fase: fuori da ogni contesto di programmazione, contro ogni controllo democratico e sociale.

E’ necessario –hanno concluso Luca Cangemi e Maria Merlini- che la città si riprenda il governo del proprio territorio, che le ipotesi di assetto urbano siano messe chiaramente di fronte alle donne e agli uomini che vivono a Catania, che si affermi una progettualità rivolta a un equo sviluppo sociale e ambientale.

Related Posts with Thumbnails
Share