NOMUOS 30 GIUGNO 2018 CORTEO A CALTAGIRONE

NO AL  MUOS – NO ALLE GUERRE

VOGLIAMO SALUTE, LAVORO, SERVIZI SOCIALI

30 GIUGNO 2018   –  CORTEO a CALTAGIRONE

Il nuovo governo  M5S – Lega, e quello regionale di Musumeci, non pongono all’ordine del giorno le questioni legate alla Pace, alla Salute, AL LAVORO, alla tutela della natura. Gli U.S.A. di Trump, con la complicità di tutto lo schieramento parlamentare, continuano nella crescente militarizzazione del territorio siciliano in funzione dei loro interessi economici e politici, che vengono garantiti attraverso i conflitti.

La lotta contro il MUOS e la militarizzazione della regione resta questione centrale per provare a costruire un’alternativa allo stato di cose esistenti. E’ necessario perciò lavorare con pazienza a mettere in discussione questo modello ingiusto che crea ricchezze per pochi, sprechi e diseguaglianze, non determinando alcuna crescita in Sicilia e nel Mezzogiorno.

Continuiamo a ritenere che il MUOS sia un pericoloso strumento di guerra al servizio di un Paese straniero (in contrasto con l’articolo 11 della Costituzione), con effetti dannosi per la salute dell’uomo (in contrasto con l’articolo 32) e non rispettoso del nostro paesaggio (in contrasto con l’articolo 9).

Con un governo che si caratterizza oggi per le sue politiche razziste e disumane, che pensa di dare più soldi ai ricchi con la Flat tax, che pretende lavoro gratuito dai disoccupati, impegniamoci a contrastare le politiche liberiste che accomunano Conte, Salvini, Di Maio e la Unione europea. E’ necessario un polo sociale e politico, credibile perchè non compromesso nei giochi di palazzo, visibile nella contrapposizione a centrodestra, centrosinistra, cinque stelle, capace di mettere assieme Potere al popolo, le forze organizzate e i movimenti di lotta per i diritti di tutte/i, in primis degli ultimi (i migranti), per una alternativa alla povertà, allo sgruttamento, alle ingiustizie, al razzismo.

Il Partito della Rifondazione Comunista della Sicilia organizza un presidio a Piazza Bellini alle 10,30, aderisce e partecipa al Corteo indetto dai comitati NO Muos a Caltagirone con partenza alle ore 16,00 dal Tribunale.

 

PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA – SICILIA

Cosentino (PRC): “Musumeci nella formazione professionale continua la macelleria sociale di Lombardo e Crocetta”

“Il governo Musumeci, così come prima Crocetta, sta cercando di scaricare sui lavoratori della formazione professionale le gravi scelte operate prima da Lombardo e poi dai suoi successori, rafforzando la narrazione di un settore assistito e clientelare, da chiudere al più presto”. Lo afferma, in un comunicato stampa, il segretario regionale del Prc, Mimmo Cosentino.

“Una scelta di vera e propria macelleria sociale – scrive – che colpisce migliaia di famiglie, e che invece di tagliare i rami secchi della pubblica amministrazione, le rendite garantite in diversi settori dei servizi e beni comuni anche alle imprese mafiose, dalla raccolta dei rifiuti alla gestione privatistica dell’acqua, dalle concessioni sul patrimonio boschivo e naturale a quelle delle cose e delle estrazioni, trova il capro espiatorio in un mondo ormai sempre meno tutelato, e che, con la complicità generale dell’Ars, si vuole cancellare definitivamente”.

“La formazione professionale – prosegue Cosentino – ha un ruolo importante nel rapporto tra saperi e produzione e le risorse investite hanno un ritorno significativo sulla ricchezza generale, in svariati settori economici, a differenza di quello messo in piedi con l’alternanza scuola lavoro, nuovo strumento di lavoro servile e gratuito a favore delle imprese, che produce rendita e sfruttamento ma non crescita generale”.

“Rifondazione comunista – conclude – è solidale con i lavoratori in sciopero della fame davanti alla presidenza della Regione, e fa appello ai parlamentari regionali di dare voce immediatamente a una domanda di reddito, di dignità, di giustizia”.

Catania 6 Giugno: la sinistra alternativa verso le elezioni comunali

CRISI POLITICA E ISTITUZIONALE, BISOGNI SOCIALI, ELEZIONI COMUNALI: I COMPITI PER LA SINISTRA ALTERNATIVA

Ne parliamo con:
MIMMO COSENTINO (segr. reg. PRC),
MILENA ANGILETTI (segr. prov. Prc),
LUCA CANGEMI (segret. Naz. P.C.I.),
DAMIANO CUCE’ (Comunità resistente Piazzetta),
ALESSIO GRANCAGNOLO (Link),
MATTEO IANNITTI (Catania bene comune),
ELENA MAJORANA (Sinistra Anticapitalista),
TIZIANA PARISI (candidata PARTECIPA prima circoscrizione),
DARIO PRUITI (Pres. Arci CT),
ALICE VALENTI (PARTECIPA, candidata PRESIDENTE prima
circoscrizione CT).

MERCOLEDI 6 GIUGNO ore 19,30
Ostello degli Elefanti, via Etnea 2,

piano secondo, Catania

Segue panino food e vino

Documento Politico conclusivo del congresso regionale del 28/04/2018

Le potenze economiche impongono sempre più i loro interessi agli Stati riducendo i governi a “comitati di gestione” della grande borghesia internazionale. Con questa filosofia cresce pericolosamente la tendenza alla guerra, con conflitti ormai permanenti per il controllo delle aree ricche di risorse energetiche e di beni primari, e per la creazione di nuovi mercati. L’azione di Trump e Macron, come pure quella di Israele e Turchia, vanno nella stessa direzione: negare i diritti dei popoli all’autodeterminazione, sacrificati sull’altare delle politiche espansioniste. Così è per i popoli palestinese e curdo, così è per il Brasile.

Continua la lettura di Documento Politico conclusivo del congresso regionale del 28/04/2018

Montanari e Falcone sostengono Alessio Grancagnolo

Messaggio di Anna Falcone e Tomaso Montanari di sostegno alla candidatura di Alessio Grancagnolo

“Apprezziamo moltissimo l’impegno, la competenza, la passione civile di Alessio Grancagnolo. Abbiamo imparato a conoscerlo durante la campagna del No, e ricordiamo con ammirazione la forza tranquilla con la quale Alessio si oppose alla ministra Boschi e al potere accademico che, indecentemente, ne accoglieva la propaganda all’interno dell’università di Catania.

alessio grancagnolo flyer 2017
alessio grancagnolo flyer 2017

Se votassimo in Sicilia, oggi voteremmo per Alessio: e invitiamo tutti a farlo. Perché la Sicilia ha bisogno di quest’altro modo di fare politica. Per invertire la rotta, finalmente.”

Anna Falcone e Tomaso Montanari

Partito della Rifondazione Comunista / Sinistra Europea