Archivi tag: gabbie salariali

Gabbie salariali e gabbie profittuali

operai1di Marco Sferini su Lanterne rosse.it del 13/08/2009

Gabbie, recinti, reclusioni. Di persone, di diritti e anche di salari. La proposta della Lega Nord di un ritorno al regime della differenziazione del salario tra Nord e Sud del Paese non è una semplice uscita estiva, una provocazione interna o meno alla maggioranza di governo. E’ la formulazione di una precisa richiesta che sottende le indicazioni dei padroncini del Nord Est, fratelli a volte separati di Confindustria (che infatti respinge la proposta leghista) e di un modello lavorativo legato ai territori piuttosto che alle economie che governano il mondo del lavoro in chiave globale e sull’onda dei mercati finanziari. Non c’è nulla di innovativo nelle “gabbie salariali”, c’è un ritorno al passato, ad una qualificazione del lavoro come variabile dipendente dalle condizioni sociali ed economiche del territorio in cui si vive. Continua la lettura di Gabbie salariali e gabbie profittuali

SALARI – FERRERO: “PROBLEMA E’ AUMENTARLI, GABBIE AIUTANO A TENERLI BASSI”

Dichiarazione di Paolo Ferrero, Segretario nazionale PRC-SE

“Il problema dell’Italia è il livello dei salari, che nel corso degli ultimi anni sono diventati tra i più bassi di tutta Euorpa. La risposta ai problemi del Mezzogiorno e del paese è aumentare davvero i salari in modo generalizzato, e non stabilire ulteriori sperequazioni tra nord e sud dell’Italia, che avrebbero il solo effetto di aiutare le imprese a tenere più bassi i salari.”.

SUD – FERRERO: “PREMIER SUCCUBE BOSSI, RIPORTA ITALIA 80 ANNI INDIETRO”

Ferrero 08Dichiarazione di Paolo Ferrero, Segretario nazionale PRC-SE

“E’ sempre più evidente che sono Umberto Bossi e la Lega a comandare nel governo. Ed è ancor più evidente che Silvio Berlusconi e i suoi alleati sono impegnati a riportare l’Italia indietro di 80 anni.

Da parte del presidente del consiglio e del governo vengono infatti realizzati interventi e proferiti propositi di giorno in giorno sempre più regressivi e reazionari. Dopo le leggi razziali, lo scudo fiscale, le agevolazioni per i ceti più abbienti e gli interessi speculativi, adesso Berlusconi sposa anche l’odiosa proposta delle gabbie salariali: un’idea discriminatoria e retriva, intesa solamente a fomentare la guerra tra poveri e a fossilizzare la secolare sperequazione tra nord e sud del paese”.

«Siamo arrivati allo smantellamento del contratto nazionale»

ferrero-02Intervista di Ettore Colombo a Paolo Ferrero da Liberazione del 6 agosto 2009

«Siamo alla solita, consueta, operazione di depistaggio messa in atto dalla Lega di Bossi e Calderoli. Prima scagliano – e il più lontano possibile – la pietra, poi nascondono la mano. Nel frattempo, l’effetto domino è assicurato». Non ha dubbi, il segretario del Prc Paolo Ferrero, nel commentare la (finta) retromarcia effettuata nel giro di mezza giornata dall’ineffabile ministro Roberto Calderoli (padre dell’indimenticabile e indimenticato “Porcellum”), che prima ha proposto, sic et simpliciter, le gabbie salariali, per i lavoratori del Sud e poi ha finto la mezza marcia indietro, dicendo però non “mi sono sbagliato”, ma “buste paga diverse parametrate sui diversi costi della vita tra Nord e Sud”. Se non è zuppa, è pan bagnato. Eppure, in diversi ci sono cascati. O, meglio, ci cascano volentieri. Continua la lettura di «Siamo arrivati allo smantellamento del contratto nazionale»