Archivi tag: migranti

Messina: Lo sbarco di 1267 uomini e donne

 

Nella settimana di Pasqua, la settimana della resurrezione, nel mar Mediterraneo vengono salvati circa 7 mila persone. Ogni nave di salvataggio viene smistata nei vari porti siciliani. Tra questi c’è anche il molo Norimberga di Messina che accoglie la nave mercantile Panther con circa 1267 persone a bordo. La nave arriva in un lunedì di pasquetta solitario. Le operazioni sin dall’inizio sembrano lente. La solita macchina operativa dell’accoglienza guarda dal molo la nave dalla quale spuntano tanti volti.

Continua la lettura di Messina: Lo sbarco di 1267 uomini e donne

Nuovi hotspot in Sicilia e non solo. Aumenta la confusione fra accoglienza e detenzione

 Nuovi hotspot in Sicilia e non solo. Aumenta la confusione fra accoglienza e detenzione, dalle relocation fallite alle procedure di respingimento.

Il 7 marzo scorso davanti alla Commissione di inchiesta della Camera sui centri per stranieri, il Capo della Polizia Gabrielli annunciava l’intenzione del governo di aprire nuovi centri Hotspot in Sicilia, nell’ambito di quanto deciso dal Consiglio Europeo nel settembre del 2015 con due decisioni prive di efficacia legislativa ed ancora senza una disciplina interna, in palese violazione dell’art.10 della Costituzione che prevede la riserva di legge in materia di condizione giuridica dello straniero.

Continua la lettura di Nuovi hotspot in Sicilia e non solo. Aumenta la confusione fra accoglienza e detenzione

HOTSPOT MESSINA – L’opposizione del PRC cittadino

HOTSPOT MESSINA – L’opposizione del PRC cittadino

rifondazione-comunista-670_54972

L’hotspot  è una pratica con la quale si distinguono i migranti economici dai richiedenti asilo, con il pretesto di identificare e selezionare i migranti economici per espellerli. Rispetto a questo consideriamo che per fare delle identificazioni occorra molto più tempo che una semplice procedura che già da mesi Frontex opera sulle navi al porto durante gli sbarchi.

Continua la lettura di HOTSPOT MESSINA – L’opposizione del PRC cittadino

MESSINA, LE FOTO SHOCK: QUEI MINORI STRANIERI NELL’INFERNO DEL PALANEBIOLO, LA TENDOPOLI DELLA VERGOGNA. TRA FANGO E INDIFFERENZA…

Fango, fango e solo fango. Dopo le violente piogge di oggi, si presenta così la tendopoli realizzata nell’ex campo di baseball del Palanebiolo (Annunziata) di Messina, per la “prima accoglienza” dei migranti giunti in Sicilia e da alcune settimane convertita del tutto arbitrariamente a centro per minori stranieri non accompagnati.

Continua la lettura di MESSINA, LE FOTO SHOCK: QUEI MINORI STRANIERI NELL’INFERNO DEL PALANEBIOLO, LA TENDOPOLI DELLA VERGOGNA. TRA FANGO E INDIFFERENZA…

Migranti a Messina, PRC: la città non sia complice di deportazioni

COMUNICATO STAMPA

SBARCO A MESSINA: martedì 30 agosto è arrivata la nave dell’unità marina “Virginio Fasan”, con 1159 migranti salvati in strisce di mare nordafricano durante la scorsa settimana. E’ la prima volta che giunge a Messina una nave con un numero così ingente. Ma è anche la prima volta, dopo più di dieci giorni di silenzio nel mar Mediterraneo, tanto da far sognare la fine degli sbarchi e l’inizio di una politica di ingressi e di accessi umani e inclusivi, che i migranti rimangono sulla nave e scendono a piccoli gruppi. Di fronte a tutto ciò ci si chiede cosa sta succedendo. E’ vero che in questi giorni nei vari porti siciliani i numeri si sono attestati sui mille per ogni porto e ci potrebbe anche essere un problema organizzativo che può far tardare di alcune ore lo sbarco. Ma a Messina fino a stamattina, 1° settembre, il terzo giorno, le persone sulla nave sono ancora centinaia e la macchina tanto oleata delle varie organizzazioni presenti sul molo era ferma e in attesa. Non vorremmo usare parole dure e pesanti, ma ci chiediamo se questo è veramente un uomo. Tanti uomini che dopo giorni e giorni di mare sono accovacciati sulla nave allo scoperto con le coperte addosso e gli uomini di Frontex che li controllano. E’ un uomo quello che alla vista di noi passanti e attivisti dopo tre giorni è ancora accovacciato sul ponte della nave e che a piccoli passi e barcollando scende dalla scaletta della nave per essere accompagnato da un poliziotto verso uno dei bagni chimici e il poliziotto lo attende fuori? Continua la lettura di Migranti a Messina, PRC: la città non sia complice di deportazioni