Archivi tag: PD

Crisi Regione Sicilia, Giusto Catania PRC: INQUIETANTE INCIUCIO, CROCETTA E BORSELLINO TRA LE BRACCIA DI LOMBARDO

cataniagiusto“I segnali trasversali lanciati dal Partito Democratico a Raffaele Lombardo sono inquietanti ed evidenziano la volontà di costruire un governo dell’inciucio. Lo dichiara Giusto Catania, europarlamentare PRC.
Le resistenze interne al PD sono ufficialmente inesistenti ed è imbarazzante leggere le dichiarazioni del Sindaco di Gela Rosario Crocetta, immemore degli attacchi politici che egli stesso riservava a Lombardo solo pochi mesi fa. Crocetta si dichiara disponibile a fare un Governo con un pezzo del sistema di potere che fino a ieri, a gran voce, ha contrastato. Inoltre, non abbiamo ancora compreso la posizione di Rita Borsellino che, dopo avere sposato il progetto del PD, rischia di ritrovarsi tra le braccia di Lombardo. In questo modo i siciliani rischiano di non comprendere più la differenza tra la buona e la cattiva politica. Occorre uno scatto d’orgoglio della sinistra e dei sinceri democratici, conclude Catania, per evitare l’ennesimo pasticcio che, in nome della governabilità a tutti i costi, distrugge le speranze dei siciliani che vogliono veramente cambiare la Sicilia”.

Lombardo azzera la giunta regionale

Cangemi (PRC): “La furibonda lotta per il potere dentro la maggioranza regionale registra un nuovo e più violento passaggio.

Il giudizio non può che essere nettissimo: l’intera maggioranza di centro-destra, che ha vinto le ultime elezioni regionali, ha fallito. Lo strapotere nella vita pubblica siciliana ha acuito la competizione interna per il governo affaristico delle risorse e delle strutture pubbliche. Questa classe dirigente, in tutte le sue fazioni, rappresenta un peso insopportabile. Il cosiddetto governo istituzionale rappresenta una prospettiva inaccettabile, funzionale solo alla ristrutturazione del sistema di potere. E’ tempo di cominciare a costruire l’alternativa politica e sociale, con battaglia limpida e quotidiana.”

Intervista a Paolo Ferrero: «Il Pdl è il partito della P2 »

ferrero_low«È un partito nato per costruire una svolta reazionaria in Italia, il partito della P2, con l’obiettivo di realizzare compiutamente il piano di Gelli».

Paolo Ferrero, leader del Prc, dà un giudizio nettissimo sulla nascita del Pdl.

di Andrea Carugati, l’Unità del 30/03/2009

Spieghi perché.
«L’attacco al sindacato, alla magistratura, al bilanciamento dei poteri, il presidenzialismo. Si tratta di una modifica complessiva del sistema democratico, del bilanciamento dei poteri istituzionali e sociali. Berlusconi lavora allo sfondamento di entrambi questi cardini della Costituzione. Per lui c’è spazio per un sindacato simile a quelli dei paesi dell’Est: uffici di collocamento delle imprese».  Continua la lettura di Intervista a Paolo Ferrero: «Il Pdl è il partito della P2 »

Federalismo, Rifondazione: «E' incostituzionale e iniquo»

Ieri convegno a Bologna. Pegolo: «Rilanciamo un dibattito nazionale»

«Un provvedimento incostituzionale, iniquo, che rappresenta solo l’ennesimo voto di scambio del Pd nei confronti di questo governo». Lo dicono a più voci, ma è questa la sintesi del dibattito su “Federalismo fiscale: la secessione dei ricchi” promosso da Rifondazione ieri a Bologna con la partecipazione di Marcello Notarfonso (Resp. Dip. Politiche Regionali Prc – Se), Franco Russo (Resp. Dip. Democrazia e Politiche costituzionali Prc – Se) e con le relazioni affidate ad economisti come Stefania Gabriele, Franco Osculati, e costituzionalisti come Claudio De Fiores. Le motivazioni sono tante per ribadire la netta contrarietà a una legge delega «in cui – annota a conclusione Gianluigi Pegolo (della segreteria nazionale di Rifondazione) – l’elemento che più colpisce è proprio la convergenza generale da un punto di vista politico. Continua la lettura di Federalismo, Rifondazione: «E' incostituzionale e iniquo»