Archivi tag: rifiuti

Favara (AG) Rifondazione comunista denuncia l’aumento del costo del servizio raccolta rifiuti

“Interveniamo sul piano economico finanziario dei rifiuti 2016 ed in particolare sui suoi costi. Da una comparazione immediata con i dati dell’anno scorso emerge che il costo del servizio subirà un aumento di circa 1.200.000 euro”. Lo scrive in una nota il segretario provinciale di Rifondazione comunista Antonio Palumbo, riferendosi ai costi del servizio rifiuti del Comune di Favara. Continua la lettura di Favara (AG) Rifondazione comunista denuncia l’aumento del costo del servizio raccolta rifiuti

Messina: mancata approvazione commissione d’inchiesta sui rifiuti

Il Consiglio Comunale di Messina ha mostrato il suo reale interesse a scoprire la verità sui conti di ATO e Messinambiente, e quindi sui costi di quel servizio rifiuti che ha contribuito a mettere in ginocchio il bilancio della città negli anni, e quindi la città stessa, e ha determinato una Tares così alta che ha pesantemente colpito tutti i cittadini e gli operatori commerciali in questo momento di crisi e di incertezza sul futuro.

Tares voluta da quel governo nazionale messo in piedi da quelle stesse forze politiche, PD UDC e Pdl, che in primo luogo sono le responsabili dello sfascio cittadino e che pure si sono adoperate per convogliare sulla Giunta insediata da appena sei mesi il malcontento popolare.

Il fatto che a volere fortemente la commissione d’inchiesta siano stati i consiglieri di riferimento dell’amministrazione, e a insabbiarla con le solite vecchie logiche quelli che invece fanno riferimento ai predetti partiti e relativi satelliti, la dice lunga sugli scheletri negli armadi di tanti consiglieri, compresi quelli che a volte strillano più forte rivestendo i panni dei paladini del popolo.

Rifondazione comunista ritiene necessario regalare a questa città almeno uno squarcio di luce su questa materia oscura, e condanna questo atteggiamento chiaramente ostruzionistico e dilatorio della maggioranza consiliare.

Solo 11 consiglieri comunali presenti su 40 dimostra e senza ombra di dubbio il vero interesse per Messina.

Federazione di Messina Partito della Rifondazione comunista

Arriva una spazzatrice a rafforzare il parco mezzi dell’Ato: “meglio tardi che mai”

Ci sono voluti cinque anni ed un nuovo assessore all’Ambiente perché una semplice macchina spazzatrice, di cui già il nostro Comune disponeva in proprietà e inspiegabilmente scomparsa col trasferimento del servizio di raccolta dei rifiuti alla società di gestione, ritornasse alla sua dignitosa funzione. 
Si potrebbe dire “meglio tardi che mai” e “speriamo che duri” anche se ritardi e disservizi hanno causato invivibilità, sporcizia ed anni di accumulo di rifiuti in ogni angolo della nostra città specie nelle immediate periferie che ancora ad oggi assemblano tonnellate di materiale anche pericoloso come l’amianto. 
Dunque il nostro Partito apprezza l’impegno del nuovo assessore che ha, però, anche l’obbligo di relazionare in un Consiglio comunale aperto alla città non solo il suo piano di lavoro ma le ragioni che hanno caratterizzato i palesi disservizi e sopratutto il livello insopportabile dei costi della tariffa per i contribuenti partinicesi. Così come va sottolineato il peso politico della proposta del consigliere comunale Gianluca Ricupati perché il Consiglio comunale proceda speditamente alla nomina di una Commissione d’indagine che ponga forte attenzione alle ragioni che causano ancora ad oggi disservizi, alti costi degli stessi e sprechi, oltre che a far luce sui pesanti rilievi dell’ex assessore Bartolo Parrino sulla gestione della società servizi comunali integrati. All’opinione pubblica democratica della nostra città chiediamo sostegno nei confronti dell’azione di quei consiglieri comunali di opposizione, o anche della maggioranza, che intendono dare una svolta positiva alla vita civile e democratica della nostra città.

PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA
CIRCOLO “Peppino Impastato” di Partinico

Archiviato in:comunicati stampa

Partinico, ricollocare i cassonetti nelle periferie della città

Riteniamo grave anche sotto il profilo igienico sanitario, oltre che del mancato servizio, la soppressione di TUTTI  i cassonetti che risultavano collocati sul lato est della nostra città. E ciò a fronte di un costo elevatissimo della tassa sui rifiuti imposta ai contribuenti partinicesi dal Comune di Partinico e non certo dall’ATO. Nel giro di un anno sono stati soppressi tutti i cassonetti collocati in: via vecchia di Borgetto contigui alla 2a zona di edilizia economica e popolare;  nei pressi della Pretura e quelli contigui al complesso edilizio alle spalle della caserma dei Carabinieri; a ridosso del vecchio acquedotto in via de i Mulini; quelli nei pressi della stazione ferroviaria e all’ingresso di contrada Ingastone che porta allo sbocco nel torrente Puddastri della condotta della distilleria; allo slargo davanti l’ex cantina Coppola.
Gli effetti della mancanza di collocazione strategica sul piano territoriale dei cassonetti é sotto gli occhi di tutti: i rifiuti vengono abbandonati in maniera incontrollata anche là dove prima esisteva quel servizio. All’assessore Campione il nostro Partito chiede di ricostruire in maniera efficace e razionale la mappa della collocazione di questi importanti strumenti di raccolta così come imporre alla società servizi comunali integrati di provvedere,  obbligatoria per contratto,  alla lavatura  dei cassonetti restanti .
PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA 
CIRCOLO “Peppino Impastato” Partinico

Archiviato in:comunicati stampa

27 giugno, Catania: una nuova gestione dei rifiuti contro il malaffare e la devastazione ambientale (con cena sociale)

Giovedì 27 giugno 2013 – ore 19,30

Una nuova gestione dei rifiuti contro il malaffare e la devastazione ambientale

presso

Circolo PRC Olga Benario, via S.Barbara 28 (traversa via V.Emanuele),Catania

Assemblea sulla gestione del ciclo dei rifiuti e sulla legge di iniziativa popolare rifiuti zero. Partecipano il comitato di sostegno alla proposta legge e il comitato dei cittadini di Motta e Misterbianco contro la discarica in contrada Tiritì.

Segue CENA SOCIALE.