Archivi tag: Società stretto di Messina

A Messina per il futuro del Mezzogiorno

nopontedi Luca Cangemi, Segretario regionale siciliano PRC su Liberazione 8 agosto 09
 
La manifestazione di oggi 8 agosto agosto a Messina, contro il ponte sullo stretto e per la tutela dei territori, è costantemente in queste settimane “cresciuta”, come adesioni ed interesse. Ne appare oggi evidente il suo valore generale, l’opportunità che essa offre di dispiegare una iniziativa di opposizione e di alternativa.
In questi giorni ha tenuto banco una discussione pubblica sulle politiche per il mezzogiorno che richiede una reazione fortissima, culturale e politica.
Continua la lettura di A Messina per il futuro del Mezzogiorno

PRC Sicilia: A Messina l’8 agosto contro il ponte, per un nuovo modello di sviluppo.

Cangemi 3Dichiarazione di Luca Cangemi, Segretario regionale siciliano PRC

Il  PRC siciliano considera la manifestazione dell’8 agosto a Messina, contro il ponte sullo stretto e per la tutela dei territori, un appuntamento decisivo.
La destra al potere si sta caratterizzando per la promozione di politiche ambientali devastanti:ponte e rilancio del nucleare ne sono i simboli.
Sono scelte che sanciscono l’incapacità delle classi dirigenti di ragionare sugli effettivi problemi del paese e  del mezzogiorno, nel quadro della crisi economica mondiale. Al contrario persiste e si rinnova di un grumo di interessi che ha fatto già tanti danni all’Italia, al Sud, alla Sicilia in termini di dissipazione del territorio, di crescita di una pervasiva borghesia mafiosa, di disgregazione sociale. Continua la lettura di PRC Sicilia: A Messina l’8 agosto contro il ponte, per un nuovo modello di sviluppo.

Ponte sullo Stretto, Di Pietro: “Prima vengono altre opere”. Ma nel 2007 votò con la destra e tra le sua file c’è Aurelio Misiti…

dipietroTonino Di Pietro punta ai “voti utili” di sinistra e ambientalisti e ora dichiara: “ll ponte è un ‘opera infrastrutturale di cui si potrebbe discutere se farla o meno solo dopo aver fatto tutto il resto: in Sicilia, in Calabria e in tutta Italia ci sono emergenze piu’ importanti del ponte”. E aggiunge: “Le emergenze come quella idrica, quella dell’occupazione, ambientale e delle energie rinnovabili devono essere messe prima di una cattedrale del deserto”.

Bene, benissimo, bravo al leader di Italia dei Valori. Peccato che abbia la memoria corta e dimentichi che, nel 2007, quando ricopriva l’incarico di Ministro nel Governo Prodi, votò assieme alla destra berlusconiana per salvare la Società “Ponte sullo Stretto di Messina”, violando, quindi, il programma dell’allora Unione di centrosinistra che prevedeva la derubricazione dell’opera e la riconversione di questa società sanguisuga a scopi di pubblica utilità. Proprio i voti dei parlamentari di Idv furono determinanti per tenere in piedi questo carrozzone d’origine democristina, permettendo così, successivamente, al governo Berlusconi di riprendere il progetto per la realizzazione della “cattedrale nel deserto”. Continua la lettura di Ponte sullo Stretto, Di Pietro: “Prima vengono altre opere”. Ma nel 2007 votò con la destra e tra le sua file c’è Aurelio Misiti…