Digressioni

PERCHE’ UNA NUOVA PAGINA CONTRO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA?

PERCHE’ UNA NUOVA PAGINA CONTRO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA?

La risposta, per certi aspetti, è abbastanza semplice: vogliamo riappropriarci di un dibattito su una questione che è vitale non soltanto per il Meridione ma per l’intero Paese e ciò anche per l’alto numero di Regioni che hanno chiesto, a livelli diversi, l’attuazione di una discutibile disposizione costituzionale.
Parliamo di riappropriazione perché ci sentiamo espropriati come lavoratori, giovani, donne, disoccupati, precari, abitanti di un territorio, quello meridionale, che può subire le maggiori conseguenze negative da un percorso che con l’attuale modello neo-liberista non può che comportare un trasferimento di risorse dalle Regioni più povere a quelle più ricche senza che queste ultime, soprattutto nelle componenti sociali più disagiate, ne possano trarre un reale beneficio perché s’indebolirebbe l’intero sistema-Paese.
Continua la lettura di PERCHE’ UNA NUOVA PAGINA CONTRO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA?

Primarie Pd, non ci rassegniamo. Un’alternativa c’è

di Maurizio Acerbo, Roberta Fantozzi*
Sì, lo sappiamo, la sinistra di alternativa è fragile e inadeguata. Eppure basta la cronaca politica di questi giorni a sottolineare tutta la necessità di ricostruire un campo di forze di alternativa, a non rassegnarsi alla riproposizione di uno stanco neo-bipolarismo tra il governo in carica e il Pd alle prese con le sue primarie.

Continua la lettura di Primarie Pd, non ci rassegniamo. Un’alternativa c’è

Il diritto all’autodeterminazione del popolo catalano. di Ramon Mantovani

Il diritto all’autodeterminazione del popolo catalano.

di Ramon Mantovani

Quel che è successo il 1 ottobre in Catalunya non lascerà nulla uguale a se stesso.
La violenza gratuita e brutale della Policia Nacional e della Guardia Civil contro la popolazione inerme che difendeva i seggi del referendum con la sola resistenza passiva, è l’ultimo atto di un processo sociale, politico ed istituzionale lungo ormai anni. Per quanto grave e ripugnante, questa violenza di stato, non è tanto importante in sé quanto perché vi si condensano numerose e pesanti ingiustizie secolari e più recenti. Continua la lettura di Il diritto all’autodeterminazione del popolo catalano. di Ramon Mantovani

Dopo il Brancaccio: cosa ci chiede l’Europa

Dopo il Brancaccio: cosa ci chiede l’Europa
di Roberta Fantozzi 
Si discute come è ovvio dell’iniziativa del Brancaccio. Si discute sui social, si commenta sui giornali.
C’è chi lo fa distorcendone completamente il senso, come Paolo Mieli su Il Corriere.
C’è chi, a sinistra, la giudica scarsamente unitaria nella propensione di fondo, “identitaria” come ha fatto Il Manifesto.
Viene da rispondere che… “ce lo chiede l’Europa”! Non l’Europa delle lettere della Commissione, dei diktat della Troika, ma quello che è successo in questi anni e mesi in risposta a quelle politiche.

Continua la lettura di Dopo il Brancaccio: cosa ci chiede l’Europa