Digressioni

Dopo il Brancaccio: cosa ci chiede l’Europa

Dopo il Brancaccio: cosa ci chiede l’Europa
di Roberta Fantozzi 
Si discute come è ovvio dell’iniziativa del Brancaccio. Si discute sui social, si commenta sui giornali.
C’è chi lo fa distorcendone completamente il senso, come Paolo Mieli su Il Corriere.
C’è chi, a sinistra, la giudica scarsamente unitaria nella propensione di fondo, “identitaria” come ha fatto Il Manifesto.
Viene da rispondere che… “ce lo chiede l’Europa”! Non l’Europa delle lettere della Commissione, dei diktat della Troika, ma quello che è successo in questi anni e mesi in risposta a quelle politiche.

Continua la lettura di Dopo il Brancaccio: cosa ci chiede l’Europa

Acerbo (Rifondazione): “I Senatori di Mdp votino No alla manovra e non escano dall’aula”

Voucher, alla Camera passa «il furto di democrazia»
 
Passa la manovra con 218 sì, 127 no e 5 astensioni. Ora il testo al Senato. La protesta di Sinistra Italiana, Possibile e Mdp-Articolo 1 contro il nuovo “contratto di prestazione occasionale” che sostituirà il voucher nelle micro-imprese: “Cambia il nome, la sostanza è la stessa”. Fratoianni (SI): “Cancellato il referendum abrogativo della Cgil e il diritto al voto degli italiani”. Scotto (Mdp): Scotto (Mdp): «È passato uno sfregio istituzionale». Acerbo (Rifondazione): “I Senatori di Mdp votino No alla manovra e non escano dall’aula”. Il 17 giugno la manifestazione della Cgil a Roma

Continua la lettura di Acerbo (Rifondazione): “I Senatori di Mdp votino No alla manovra e non escano dall’aula”

La perversione del senso del 25 aprile

 

 

La perversione del senso del 25 aprile

di Moni OVADIA Il manifesto del 11.04.2015

Polemiche: Le bandiere palestinesi al corteo? Un vulnus inaccettabile per il presidente della comunità ebraica romana Pacifici e per qualche ultrà del sionismo più isterico. Ma screditando le ragioni di chi lotta per una Palestina libera si sovverte il significato della Resistenza Continua la lettura di La perversione del senso del 25 aprile

ECCO COME COSTRUIRE UN SOGGETTO POLITICO UNITARIO DELLA SINISTRA ANTILIBERISTA: L’ESEMPIO DI BARCELLONA

ECCO COME COSTRUIRE UN SOGGETTO POLITICO UNITARIO DELLA SINISTRA ANTILIBERISTA: L’ESEMPIO DI BARCELLONA

di Joan Josep Nuet

Voglio condividere con voi l’esperienza di Barcellona e della Catalogna che in questa fase sta costruendo un nuovo soggetto politico della sinistra d’alternativa. Vi spiegherò che cosa stiamo facendo e attraverso quali tappe passeremo. Continua la lettura di ECCO COME COSTRUIRE UN SOGGETTO POLITICO UNITARIO DELLA SINISTRA ANTILIBERISTA: L’ESEMPIO DI BARCELLONA

La scommessa nell’isola dopo la vittoria del NO

La scommessa nell’isola dopo la vittoria del NO
di Umberto Santino

CHE in Sicilia dovesse vincere il
No non era difficile
profezia, se si tiene conto
delle frequenti discese di Renzi
nell’Isola, indice di una preoccu-
pazione più volte manifestata.
Ma che ci dovesse essere una ta-
le affluenza alle urne, dopo aver
superato nelle scorse elezioni re-
gionali il record delle astensio-
ni, e uno scarto così grosso tra il
No e il Sì nessuno se l’aspettava.

Continua la lettura di La scommessa nell’isola dopo la vittoria del NO